Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ti proponiamo la visita alla Centrale Montemartini, museo dagli spazi ampi in cui la commistione tra archeologia industriale e archeologia classica valorizza entrambe.

Aperto nel 1997 presso una centrale elettrotermica dismessa, che si era ipotizzato di abbattere, è oggi il secondo polo dei Musei Capitolini e permette un approccio immediato e non formale alle opere esposte.

Al suo interno conserva opere come il Togato Barberini, il ritratto di Eurisace e Atistia, il Supplizio di Marsia o i gioielli e la bambola di Tryphaena. Non mancano le curiosità come il treno di Pio IX o i due enormi motori Diesel della centrale, simboli di quel secolo che ha visto l'avvento della più parte delle tecnologie dell'era moderna.

Visita per un massimo di 25 partecipanti.

Appuntamento:

Giovedì 16 febbraio 2023, ore 10.00, in Via Ostiense, 106. E’ richiesta la massima puntualità.

Prenotazioni tramite casella postale:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per avere informazioni sulla prenotazione ed i pagamenti, clicca il seguente collegamento (è necessario accedere con il proprio nome utente e relativa password): Dettagli prenotazioni e pagamenti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Un'area museale che restituisce alla città uno dei suoi luoghi più suggestivi e carichi di storia e fascino, un contesto archeologico venuto alla luce sul colle Esquilino durante i lavori per la costruzione della sede dell'Enpam.

Lo spazio che visiteremo era occupato in età romana da un settore degli Horti Lamiani, una sontuosa residenza-giardino costruita dal console Lucio Elio Lamia all'inizio del I secolo d.C. e diventata ben presto proprietà imperiale.

Il percorso di visita si snoda intorno ai resti di una grande piazza con un ninfeo, mostrando le decorazioni che la adornavano, gli oggetti che qui erano usati, le piante e gli animali che abbellivano i suoi giardini. Lo scavo ha restituito una quantità enorme di frammenti di ceramica e di altri reperti, tra cui marmi, intonaci dipinti, ossa di animali domestici.

Visita per un massimo di 20 partecipanti.

Appuntamento:

Sabato 18 febbraio 2023, ore 12.45, in Piazza Vittorio Emanuele II, 78 - ingresso del museo. E’ richiesta la massima puntualità.

Prenotazioni tramite casella postale:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per avere informazioni sulla prenotazione ed i pagamenti, clicca il seguente collegamento (è necessario accedere con il proprio nome utente e relativa password): Dettagli prenotazioni e pagamenti

.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La Chiesa di Sant’Ivo alla Sapienza è forse il massimo capolavoro dell’architetto barocco Francesco Borromini (1599-1667) e certamente una delle più belle chiese barocche d’Europa.

Celeberrima la sua cupola a spirale facilmente individuabile nel panorama dei tetti di Roma.

Fu eretta negli anni 1642-60, per volontà di papa Urbano VIII, nel contesto del Palazzo della Sapienza, all’estremità est del cortile porticato che l’architetto Giacomo Della Porta aveva costruito all’inizio del secolo.

A seguire visiteremo la Biblioteca Alessandrina, istituita da Alessandro VII e ideata da Francesco Borromini che ne disegnò il salone monumentale all'interno del Palazzo della Sapienza.

Visita per un massimo di 25 partecipanti.

Appuntamento:

Mercoledì 22 febbraio 2023, ore 15.30, in Corso Rimascimento - ingresso Palazzo della Sapienza. E’ richiesta la massima puntualità.

Prenotazioni tramite casella postale:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per avere informazioni sulla prenotazione ed i pagamenti, clicca il seguente collegamento (è necessario accedere con il proprio nome utente e relativa password): Dettagli prenotazioni e pagamenti

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Gioiello dell’eclettismo di fine ‘800, la Villa fu realizzata su committenza del Barone Alberto Blanc, ministro degli affari esteri sotto il governo Crispi.

Il complesso di Villa Blanc è costituito da una Villa principale, sei villini e le serre immerse in un parco di specie pregiate tipicamente mediterranee.

Dopo alterne vicende, dal 2017 è la sede delle attività della Luiss Business School a seguito di un’importante opera di recupero intrapresa dall’Università Luiss con la volontà di restituire alla struttura il suo storico splendore.

Il mercoledì precedente la visita occorre inviare nome e cognome di ogni partecipante, la lista non si potrà modificare una volta inviata.

Visita per per una massimo di 20 partecipanti.

Appuntamento:

Domenica 12 marzo 2023, ore 9.45, in Via Nomentana, 216. E’ richiesta la massima puntualità.

Prenotazioni entro il 3 marzo 2023 tramite casella postale:Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per avere informazioni sulla prenotazione ed i pagamenti, clicca il seguente collegamento (è necessario accedere con il proprio nome utente e relativa password): Dettagli prenotazioni e pagamenti